Telefono
0289309377

Contatto 
Whatsapp

*Le schede tecniche disponibili sul sito possono essere soggette a continue modifiche tecniche e delle normativa in corso, pertanto sono destinate esclusivamente alla consultazione. Per la scheda aggiornata alla data odierna Vi preghiamo di contattare i nostri uffici.

Telefono
0289309377

Contatto Immediato
Whatsapp

Mail
commerciale@chemma.it

Chemma produce lubrorefrigeranti che hanno un ruolo fondamentale per ridurre l’attrito tra l’utensile e il pezzo ad asportare il calore generato nella lavorazione.
L’ utilizzo di un lubrorefrigerante comporta la generazione di meno calore ed una minor usura dell’ utensile nonché migliori finiture della superficie lavorata.

Per l’ uso industriale i lubrorefrigeranti si possono dividere in due grandi famiglie principali:

  • Oli emulsionabili, cioè solubili in acqua
  • Oli interi, ovvero non solubili in acqua

Da cosa dipende la scelta dei lubrorefrigeranti ?

Per decidere se utilizzare un lubrorefrigerante intero o emulsionabili il fattore determinante è la tipologia di macchina utensile.
In linea di massima, per operazioni di lavorazione a basse velocità si utilizzano solitamente oli interi mentre per lavorazioni che coinvolgono velocità elevate, dove la formazione di calore è maggiore, si usano solitamente emulsioni, per permettere un maggiore raffreddamento.

Esiste in numerose formulazioni a seconda del materiale dell’utensile e del pezzo da lavorare, ma in generale è composto per il 50% da olio lubrificante cui si aggiungono additivi specifici per il materiale e una piccola parte di acqua.

La scelta dipende dalla resistenza meccanica dell’utensile, dalla tipologia di lavorazione, dalla velocità di taglio, dalla pressione dell’utensile contro il pezzo, dal calore generato per attrito, dalla macchina utensile e da altro ancora.

Talvolta viene usato anche per lubrificare parti della macchina e in questo caso è preferibile ricorrere a prodotti specifici.

Fluidi inadatti al materiale del pezzo o dell’utensile possono causare surriscaldamento, accumulo di bavetta sui taglienti, cattiva lavorazione, rottura dell’utensile.

A titolo indicativo si usano lubrorefrigeranti miscibili con concentrazione:

4%  per le leghe.
4-5%  EP (Extreme Pressure) per l’acciaio.
6-10%  EP quando rivestono ruoli significativi nell’asportazione del truciolo.
3-4%  miscibili per lavori di rettifica, interi o con alte concentrazioni per i laminatoi.

I valori sopra citati sono riferiti alla % nella vasca e non fanno riferimento ai valori dei rabbocchi che sono notevolmente più bassi.

Onde prevenire l’inquinamento ambientale è preferibile impiegare fluidi miscibili ogniqualvolta possibile.
In primo luogo i lubrorefrigeranti devono soddisfare, le tre seguenti esigenze:

  • Raffreddamento

  • Lubrificazione
  • Effetto detergente

Raffreddamento

Il calore che si sviluppa sul punto di taglio, nel caso di lavorazioni per asportazione di truciolo, deve essere ridotto dal lubrorefrigerante al fine di assicurare il mantenimento delle dimensioni del pezzo e prolungare la durata dell’utensile.
Influiscono sulla capacità refrigerante del fluido i seguenti parametri:

  • Tipo e composizione del lubrorefrigerante;
  • Volume del lubrorefrigerante addotto al punto di taglio per unità di tempo;
  • Forma del flusso del lubrorefrigerante e direzione dell’adduzione dello stesso;
  • Temperatura del lubrorefrigerante.

Lubrificazione

E’ necessaria per ridurre l’attrito tra utensile e pezzo e tra pezzo e truciolo.
Essa infuenza la qualità delle superfici del pezzo e la durata dell’utensile.  Il potere lubrificante di un lubrorefrigerante dipende dai seguenti parametri:

  • Tipo e composizione del lubrorefrigerante
    (additivazione EP, contenuto di olio minerale, miscibilità in acqua);
  • Pressione e temperatura sul punto di taglio;
  • Caratteristiche dei materiali che compongono il pezzo e l’utensile.

Tra gli additivi più importanti dei lubrorefrigerante miscibili in acqua rientrano:

  • Emulgatori ionici (saponi alcalini, sulfonati, sali degli acidi carbossilici, fenoli, etc.);
  • Emulgatori non ionici (es. ossidi polietilenici);
  • Inibitori della corrosione (sali alcalini, alcanolammine, composti del Boro, nitriti, etc.);
  • Additivi polari (oli di origine animale o vegetale, esteri di acidi organici);
  • Edditivi E.P. (Cloro, Zolfo, Fosforo)
  • Biocidi, disinfettanti (formaldeide, derivati della triazina, derivati fenolici, composti del Boro, ammoni quaternari liberatori di formolo, derivati di metalli pesanti come Hg e Pb, etc.);
  • Anti-usura: (fosfato di tricresile, tiofosfati e fosfati)
  • Anti-nebbia: (sono generalmente polimeri che facilitano lacoalescenza);
  • Stabilizzatori: (alcoli, glicoli, etc.);
  • Miglioratori della viscosità: (polimeri e copolimeri);
  • Anti-schiuma: (siliconi);
  • Altri: (coloranti, profumanti, etc.).

Effetto detergente

Si intende per “effetto detergente” la capacità di un lubrorefrigerante di asportare i trucioli dal punto di taglio.
Questo è un compito particolarmente importante nel caso di operazioni di rettifica poiché, per un funzionamento della mola con il minimo attrito, si deve assicurare che quest’ultima rimanga libera da trucioli da rettifica e polvere da abrasione che possono causare inconvenienti durante la lavorazione.
L’effetto detergente di un lubrorefrigente dipende, oltre che dal tipo e composizione  dello stesso, dalla quantità e dalla pressione con la quale il fluido viene addotto al punto di taglio.

Per ragioni ecologico – ambientali, si sta osservando un forte impulso allo studio ed alla produzione di fluidi lubrorefrigeranti (sia miscibili in acqua che non miscibili) a base di esteri sintetici.

Oltre al vantaggio di essere formulati a partire da basi rinnovabili (vegetali, animali selezionate e trasformate) invece che da basi esauribili (oli minerali da basi petrolifere e petrolchimiche) e di offrire un profilo igienico sanitario nettamente migliore rispetto ai prodotti tradizionali di natura minerale, essi garantiscono, da un punto di vista tecnico produttivo, performance straordinarie di lubrificazione, grazie alla polarità delle molecole di estere (alcool grasso + acido grasso) che assicurano un’ottimale distribuzione del film lubrificante sulla superficie del pezzo in lavorazione.

I nostri Lubrorefrigeranti:

  • BIOCOOL LIFE: Lubrorefrigerante semisintetico biostabile per alte pressioni lavorazioni gravose ed acqua dura, esente da donatori di formaldeide.

  • CHEMMA GUIDE GREEN: Olio lubrificante guide slitte biodegradabile ISO 68 – 220

  • CHEMMA GUIDE NGE: Olio semi-sintetico emulsionabile idrosolubile per guide di macchine utensili e sistemi idraulici combinati di ultima generazione.

  • CHEMMA GUIDE SINT: Olio guide semi sintetico per macchine utensili.

  • COOL LIFE GREEN: Microemulsione biostabile e.p. per lavorazioni gravose da basi rinnovabili. Esente da olio minerale e da donatori di formaldeide.

  • EXTRA TAP: Lubrificante speciale per tranciatura, imbutitura, stampaggio, filettatura, maschiatura e rullatura per lavorazioni gravose.

  • GREEN 935: Microemulsione biostabile e.p. per lavorazioni gravose a base esteri vegetali biodegradabile, esente boro/loro e battericidi.

  • K 700: Potente biocida per acque ed emulsioni, fungicida e battericida di nuova generazione in grado di disinfettare e conservare acque ed emulsioni lubrorefrigeranti.

  • KILL WASH: Detergente igienizzante per emulsioni. Rimuove dall’impianto e dalle tubazioni lo sporco e le incrostazioni che si sono formate e debella la flora microbiologica ivi presente.

  • LIFE 939: Lubrorefrigerante semisintetico biostatico – microemulsione esente da donatori di formaldeide

  • LIGHT LUBE: Evaporabile con esteri sintetici biodegradabili per stampaggio e imbutitura leggera esente olio minerale e cloroparaffina.

  • NO FOAM ECO: Additivo antischiuma per fluidi acquosi.

  • OIL KUT: Olio intero, per lavorazioni diverse e gravose.

  • OIL KUT 18: Fluido sintetico per lavorazioni dell’alluminio.

  • OIL KUT FDA: Olio da taglio inattivo – fda, ideale per le macchine utensili dove non sia possibile l’utilizzo di soluzioni acquose (lubrorefrigeranti).

  • OIL KUT GREEN: Fluido intero da taglio biodegradabile ISO 10 ISO 40

  • OILCHEM 2: Fluido idrosolubile sintetico per rettifica

  • OILCHEM 3 EP LIFE: Lubrorefrigerante semisintetico, biostatico, microemulsione esente da donatori di formaldeide.

  • OILCHEM 4 EP LIFE Fluido idrosolubile sintetico per rettifica esente da donatori di formaldeide
  • OILCHEM 5 EP LIFE: Fluido da taglio emulsionabile per acque dolci e dure, microemulsione semisintetica biostabile con caratteristiche E.P Fine modulo, esente da donatori di formaldeide.

  • OILCHEM 7 EP LIFE: Lubrorefrigerante semisintetico biostatico — microemulsione esente da donatori di formaldeide.

  • PLURICOOL: Lubrorefrigerante emulsionabile, con additivazione E.P., per le lavorazioni gravose, tranciatura ed imbutitura inodore.

  • PLURICOOL BIO LIFE: Microemulsione biostabile esente donatori di formaldeide per lavorazioni gravose.

  • PLURICOOL CU GREEN: Microemulsione biostabile con esteri biodegradabili specifico per leghe gialle ed alluminio esente olio minerale, boro e donatori di formaldeide.

  • PROFLUID: Inibitore di corrosione per acciaio e materiali ferrosi, solubile in acqua.

  • QUANTUM METAL LIFE: Microemulsione biostabile E.P. per lavorazioni molto gravose, esente da donatori di formaldeide.

  • TOP LUBE: Sgrassante lubrificante protettivo valido anche per il settore alimentare.e per lavorazioni gravose.

  • FILTER: Panno assorbente ecologico per lubrificanti.

Tanti altri prodotti disponibili a catalogo. Contattaci

CONTATTACI

Telefono
0289309377

Contatto 
Whatsapp

*Le schede tecniche disponibili sul sito possono essere soggette a continue modifiche tecniche e delle normativa in corso, pertanto sono destinate esclusivamente alla consultazione. Per la scheda aggiornata alla data odierna Vi preghiamo di contattare i nostri uffici.

Telefono
0289309377

Contatto Immediato
Whatsapp

Mail
commerciale@chemma.it

Voglio avere maggiori informazioni: